[ Home page ]  [ Chi siamo ]  [ Un po' di Storia ]  [ Il Kobudo ]
[
Come si pratica ] [ Bibliografia ] [ I nostri Corsi ]
[ Dove siamo ] [
Galleria di Foto ] [ I Video ] [ Contatti ] [ Link ]

L’ arte del kobudo (o kobujutsu) si è sviluppata, e continua ad evolversi, dalla consapevolezza di poter trasformare in arma qualunque oggetto di cui si disponga; essa consiste nell’uso di armi, parecchie delle quali non tradizionali, come bo, kama, sai, nunchaku, tonfa etc. Alcune di queste erano all’origine strumenti di vita quotidiana o attrezzi agricoli.

Il kobudo nasce e si sviluppa in un'isola dell’arcipelago di Ryukyu, Okinawa, come il karate – do, nel periodo della dominazione del clan giapponese Satsuma (1609 – 1879). Durante questo periodo i principi dell’autodifesa vennero applicati a numerosi strumenti di uso quotidiano.
Non pare verosimile, come viene spesso affermato, che il kobudo sia frutto di un’elaborazione spontanea da parte dei contadini, per difendersi dai loro oppressori. L’arte della guerra è stata infatti tradizionalmente, fino a tempi recenti, una prerogativa delle classi sociali dominanti; piuttosto è più credibile ritenere che ad addestrare i contadini siano stati esperti maestri guerrieri, samurai decaduti, costretti dalla crisi economica a dedicarsi al commercio e all'agricoltura.

Fu Moden Yabiku il primo a raccogliere tutte le tecniche dei diversi villaggi di Okinawa, ognuno dei quali era specializzato in un attrezzo particolare; egli fondò una Società di ricerche sul Kobujutsu per evitare che la tradizione andasse perduta, lo insegnò e lo fece conoscere al di fuori dell’isola, in Giappone, proprio nello stesso periodo (negli anni Venti del Novecento) in cui Funakoshi e altri introducevano il Karate. Dopo la morte di Yabiku fu Shinken Taira a dirigere l'organizzazione e, dal 1970, Eisuke Akamine.

Sempre all’inizio del XX secolo un altro maestro di Karate, Shinko Matayoshi, si interessò al Kobujutsu; avendo studiato le arti marziali cinesi sviluppò, a partire dallo studio del kobujutsu di Okinawa, tecniche diverse da quelle di Yabiku. Matayoshi insegnò la sua arte solo al figlio, Shimpo, il quale iniziò ad insegnare al pubblico nel 1947 nella città di Kawasaki.

Le attuali organizzazioni di Kobudo sono ramificazioni delle due scuole principali.
Lo strumento principale del Kobudo è il Bo, il bastone di legno del diametro di circa 2,5 cm e lungo 180 cm.

L’arte del bastone, antica quanto l’umanità, era conosciuta e praticata con assiduità anche dai bushi giapponesi. Le armi giapponesi erano in ferro e in acciaio; tuttavia nelle scuole di bujutsu in cui si insegnavano le tecniche di combattimento con la spada e la lancia venivano usati spesso anche il bastone ed altre armi di legno, poiché nelle esercitazioni erano meno pericolosi delle lame. Esisteva una copia in legno quasi per ogni arma e i guerrieri erano esperti tanto nell’uno quanto nelle altre. Le tecniche usate per l’impiego delle armi in legno erano sostanzialmente le stesse impiegate per le corrispondenti armi in ferro, ma ognuna finiva per seguire una propria evoluzione e dava vita ad una sua specifica tradizione.

In quanto arma non letale, l’uso del bastone si diffuse anche tra quelle persone che rifiutavano l’idea di spargere sangue e volevano solo difendersi: sacerdoti, monaci, viaggiatori, gente comune. Era inoltre l’unica arma consentita all’interno del palazzo reale

IL KOBUDO NELL’I.SH.K.K.A.

Il M° Monti ha appreso l'uso del kobudo dal M° Tamano, responsabile della Scuola Shorei - Kan in Europa. Col M° Tamano ha studiato il Bo, il Tonfa, il Sai, il Nunchaku e il Kama. Ha appreso poi un diverso modo di utilizzare il Bo con la Scuola Shoto - Kai giapponese tramite il M° Hiruma.

Il kobudo dell'I.SH.K.K.A. privilegia, tra le armi del kobujutsu, l'uso del Bo e del Tanjò. Il Tanjò, il cui nome significa "corto jo", è u bastone lungo 80 cm e del diametro di 2,5 cm, sintesi di Bo, Tonfa e Nunchaku, attrezzo particolarmente pratico ed efficace.

Gli altri attrezzi prima descritti sono, nella nostra pratica, di secondaria importanza.

Bo – jutsu

Tanjo




Tonfa – jutsu




Nunchaku - jutsu





 

[ Home page ]  [ Chi siamo ]  [ Un po' di Storia ]  [ Il Kobudo ]
[
Come si pratica ] [ Bibliografia ] [ I nostri Corsi ]
[ Dove siamo ] [
Galleria di Foto ] [ I Video ] [ Contatti ] [ Link ]




ASD-APS I.SH.K.K.A. - Meldola  (FC) - Via 4 Novembre n.2 - Telefono 0543.491699  Email : info@ishkka.com